Zone focusing, lo scatto dei maestri

Quando ho iniziato a innamorarmi del fotogiornalismo di strada, la ben nota Street Photography, mi resi conto che uno dei motivi di grande frustrazione fosse dovuto alla relativa lentezza dei moderni sistemi automatici di messa a fuoco. Per quanto apparentemente velocissimi, è incredibile quanto spesso siano lenti e inadatti a cogliere il “momento decisivo”, per dirla alla Henri Cartier Bresson.
Paradossalmente i sistemi più rapidi a catturare quel momento, sono le vecchie fotocamere a telemetro (non necessariamente, ma le preferisco) dotate di obbiettivi con ghiera dei diaframmi e dei tempi accoppiate. A questo punto ci chiederemo sicuramente: come facevano i grandi maestri della fotografia a scattare momenti tanto decisivi senza gli automatismi di messa a fuoco? Più difficile a dirsi che a farsi.
Senza scendere nel dettaglio dei calcoli e dei perchè, dobbiamo lavorare a diaframmi molto chiusi (f/8 o f/11) e stabilire a priori quale sarà la nostra zona in cui tutto sarà a fuoco. Utilizzare questa tecnica, la stessa dei grandi maestri della fotografia del passato, ci farà concentrare sulla composizione e ci renderà meno visibili ai passanti. Sulla mia Zorki, Rolleiflex e Leica M6 TTL, generalmente uso una pellicola 400 ISO, una apertura f/8, f/11 e velocità dell’otturatore comprese tra 1/125 e 1/500 di secondo.

Zone Focusing

Jupiter 12, 35MM f/2,8. Focheggiando in modo predittivo su 2M, otteniamo una “zona” a fuoco tra circa 1.4M e 4M in corrispondenza di una apertura pari a f/8

 

Su apparecchi digitali moderni che montano obbiettivi di vecchia generazione (spesso i nuovi non hanno l’accoppiamento di ghiere diaframmi-distanze), la possibilità di modificare gli ISO ci semplifica notevolmente il lavoro:

Aperture f/16
ISO 800-3200
Shutter Speed 1/320s
Prefocus 1 metro
AV mode

Perchè usare questa configurazione? Un diaframma così chiuso consente una zona di messa a fuoco la più ampia possibile. Mantenere gli ISO alti permette velocità di otturazione al di sopra di 1/320. Con questo artificio possiamo catturare i passanti anche in movimento veloce non sfocati. Il rumore (digitale o no) non mi preoccupa più di tanto.

Hai domande su concetto di  messa a fuoco zonale o iperfocale? Lasciale nei commenti qui sotto. Se vuoi iscriverti all’imminente Street Walking Day, metti un like alla mia pagina facebook e proponi la tua candidatura!